Logo

PRESENTAZIONE

A pochi passi dalle sponde dell’Arno la Stazione Leopolda accoglie la quinta edizione di BeeRiver: i mille volti della birra artigianale accenderanno i riflettori sulle molteplici espressioni di un settore in effervescente espansione, tra pura e semplice gratificazione del palato, festosa socializzazione e approfondimento culturale.

ORARI DI APERTURA

Venerdì 5 ottobre h 18.00 – 1.30

Sabato 6 ottobre h 16.00 – 1.30

 Domenica 7 ottobre h 13.00 – 23.00

DEGUSTAZIONI

Le degustazioni avverranno nei calici personalizzati BeeRiver dietro presentazione dei gettoni in vendita all’ingresso della Leopolda. Per ogni degustazione è necessario un gettone.

 

Calice BeeRiver 5 Euro

Gettone per le degustazioni 2 Euro

Pacchetto con calice e tre gettoni 10 Euro

PROGRAMMA

Per le iniziative con l’asterisco è richiesta la prenotazione attraverso i moduli disponibili scorrendo il sito.

VENERDÌ 5 OTTOBRE

h 18.00 – 24.00

Apertura area gioco per i più piccoli

 

h 18.00 – 1.00

Apertura area giochi da tavola

 

h 22.00 – 24.00

Max De Bernardi e Veronica Sbergia in concerto

SABATO 6 OTTOBRE

h 16.00 – 24.00

Apertura area gioco per i più piccoli

 

h 16.00 – 19.00

Luppoli rampicanti

Evento speciale sulle mura medievali

 

h 18.00 – 1.00

Apertura area giochi da tavola

 

h 18.00 – 20.00

Extreme Brewing *

 

h 19.00 – 21.00

Delta Ramblers in concerto

 

h 22.00 – 24.00

Betta Blues Society in concerto

DOMENICA 7 OTTOBRE

h 13.00 – 22.00

Apertura area gioco per i più piccoli

 

h 14.00 – 17.00

La domenica degli homebrewers

 

h 16.00 – 19.00

Luppoli rampicanti

Evento speciale sulle mura medievali

 

h 18.00 – 22.00

Apertura area giochi da tavola

 

h 20.00 – 22.00

Donati e La Mancusa in concerto

CONCORSO FOTOGRAFICO

Normalmente si pensa alla birra come un’esperienza sensoriale che interessa solo due sensi, il gusto e l’olfatto. Si tratta invece di un’esperienza sensoriale più complessa. Quale migliore idea, allora, per celebrare questo matrimonio di sensi se non attraverso un concorso fotografico?

REGOLAMENTO

La Casa della Città Leopolda e l’Associazione Fotografica Photo Experience organizzano la terza edizione del concorso fotografico Birra & Dintorni.

 

 Il concorso è aperto a tutti gli amanti della fotografia, fotoamatori e professionisti. La partecipazione è gratuita. Costituiscono oggetto del concorso immagini dedicate al mondo della birra, dai processi produttivi alla condivisione dei momenti di allegria, ilarità e amicizia che accompagnano la sua degustazione.

 

I vincitori saranno selezionati dalla giuria popolare composta dai visitatori della mostra e dalla giuria tecnica formata dai fotografi dell’Associazione Photo Experience, che valuteranno le fotografie in base a tre parametri: tecnica, composizione e tema.

 

La premiazione avverrà domenica 7 ottobre alle h 18.00 presso il Salone Storico della Leopolda.

 

Ogni fotografo può presentare una fotografia stampata su carta fotografica con un formato massimo di 20 x 30 cm (la fotografia non deve essere montata su passepartout). La consegna deve essere effettuata entro giovedì 6 ottobre 2018 presso la Bottega della Leopolda nell’orario di apertura al pubblico (dal lunedì al venerdì h 9.30 – 13.30 e h 16.30 – 19.30 e il sabato h 9.30 – 13.30).

 

Per consegnare la fotografia in un altro momento è possibile scrivere a info@photoexperiencepisa.it

 

Per informazioni:

www.photoexperiencepisa.it

I CONCERTI - PRESENTAZIONE

MAX E VERONICA

Max De Bernardi e Veronica Sbergia presentano il nuovo progetto Backyard Favourites unendo con gusto, eleganza e divertimento country, blues, ragtime e il sapore musicale degli anni ’20 e ’30. Il lavoro di ricerca e arrangiamento di alcuni brani oscuri della tradizione musicale americana ha condotto Max e Veronica verso le radici del blues delle origini, valorizzando le potenzialità offerte dalla strumentazione acustica e dal sapiente uso delle armonie vocali.

Nel 2013 Max e Veronica hanno vinto l’European Blues Challenge del 2013 con il progetto Veronica & The Red Wine Serenaders.

 

Veronica Sbergia

Voce, kazoo, ukulele, washboard

 

Max De Bernardi

Voce e chitarre acustiche

DELTA RAMBLERS

Delta Ramblers è un progetto nato nel mese di marzo 2018: Diego Schiavi e Cristiano Saggini si concentrano sul blues delle origini, proponendo il sound asciutto e diretto di Robert Johnson, Muddy Waters, Son House e Mississipi John Hurt. I Delta Ramblers hanno il pregio di riportare al minimo indispensabile i mezzi per trasmettere ciò che il blues ha portato in dono alla storia della musica.

 

Diego Schiavi

Chitarra e voce

 

Cristiano Saggini

Armonica

BETTA BLUES SOCIETY

Elisabetta Maulo

Voce, kazoo, ukulele, washboard

 

Lorenzo Marianelli

Dobro, ukulele, cori

 

Fabrizio Balest

Contrabbasso, bottigilia, cori

 

Pietro Borsò

Percussioni e cori

DONATI E LA MANCUSA

Mattia Donati e Mauro La Mancusa s’incontrano nel 2011 al jazzlab di Andrea Pellegrini. Dal 2012 si esibiscono in duo e in altre formazioni con un repertorio di brani swing.

 

Mattia Donati

Voce e chitarra

 

Mauro La Mancusa

Tromba

ARCHIVIO CONCERTI

Hanno suonato a BeeRiver:

Bayou Moonshiner

Betta Blues Society

Big Time Swing Cats

BroadCash

Little Blue Slim – Mauro Magrini

Mattia Donati e Mauro La Mancusa

Matt Biondi Crew

Mud Slide Dan one man band e trio

Oscar Bauer e Lupo

Poor Boys

Sonambula Triade Popolare

Swing Guitar Project

The Gutbuckets

Venturi e Scifoni

DEGUSTAZIONI GUIDATE

Birra vs. cous cous

Venerdì 5 ottobre h 19.00

 

Birra vs. cioccolato

Sabato 6 ottobre  h 19.00

 

Guida alle birra d’Italia 2019 Slow Food

Domenica 7 ottobre  h 19.00

ISCRIZIONI

Ogni degustazione prevede l’assaggio di tre birre artigianali.

Programma a cura di Simone Cantoni

 

Numero partecipanti: 30

Quota: 5 Euro calice compreso

Nome e cognome

E-mail

Telefono

Degustazione scelta

Numero partecipanti

Si autorizza il trattamento dei dati personali

LUPPOLI RAMPICANTI

Sabato 6 e domenica 7 ottobre h 16.00 – 19.00

Passeggiata in quota, concerti blues e degustazioni di birra artigianale

PRESENTAZIONE

BeeRiver e le Mura di Pisa organizzano un evento speciale sulle mura medievali pisane. Il percorso in quota condurrà i visitatori dalla Torre Piezometrica alla Torre di Legno collocata presso Piazzetta del Rosso, nelle vicinanze del Ponte della Fortezza.

 

Quota di partecipazione 12 Euro compreso il calice BeeRiver e tre gettoni da utilizzare per le degustazioni presso le mura o alla Leopolda.

I CONCERTI

Lungo il percorso si esibiranno

Luca Battistini e Lorenzo Niccolini.

LUCA BATTISTINI

Chitarrista autodidatta classe 1991, inizia il suo percorso musicale suonando in diverse band a partire dal 2005 come chitarra solista. Nel 2015 fonda il duo acustico Streetlovers insieme al musicista livornese Francesco Luongo, con il quale si esibisce nei locali e nelle strade di Livorno, Pisa e Milano. Partecipano nel 2016 e nel 2017 al Ferrara Busker Festival. Dal duo acustico nasce la versione elettrica Streetlovers Quartet con Lorenzo Marianelli al basso e il batterista Andrea Spinetti, prematuramente scomparso. Nel mese di luglio 2018 esce il primo disco di inediti Music Onde Road.

LORENZO NICCOLINI

Chitarrista fingerstyle toscano diplomato con il massimo dei voti all’Accademia Lizard di Fiesole, propone brani di propria composizione con l’utilizzo di tecniche alternative per chitarra, quali tapping, percussioni, armonici artificiali e open tuning insieme a vecchi blues, standard jazz e colonne sonore. L’intero repertorio è proposto con il solo utilizzo di una chitarra, ma suonata in maniera polifonica. Ha all’attivo due dischi con la band Electric Sheeps e due album per chitarra acustica fingerstyle: Musicofilia (2015) e Fatti Vivo (2018). Nel 2016 è stato selezionato fra i quattro migliori chitarristi emergenti al concorso nazionale di fingerstyle di Cremona (Acoustic Guitar Meeting). Nel 2017 ha vinto i concorsi musicali Sété Sois Sété Luas (Pontedera), Jameson Street Music (Firenze) e Tieni il Palco di Bologna.

DEGUSTAZIONI

Le produzioni brassicole saranno servite dai birrifici invitati dalla Camera di Commercio del Var nella regione Provenza-Alpi-Costa Azzurra per il progetto Food&Wine Marketplace, PO Italia-Francia Marittimo 2014 – 2020

 

Brasserie Esperluette  – Esparron de Pallière

Le Mousse – La Seyne-sur-Mer

Le Brasseur Varois – Carcès

FoodWine Marketplace
FoodWine Marketplace
FoodWine Marketplace

RICERCA E FORMAZIONE NELLA FILIERA BRASSICOLA

A cura del Circolo ARCI La Staffetta

AREA ESPOSITIVA

Ingredienti, strumenti,

fasi di produzione,

video e materiali illustrativi.

EXTREME BREWING

Sabato 6 ottobre

h 18.00 – 20.00

 

Laboratorio didattico sulla produzione casalinga

di ricette brassicole sperimentali

ISCRIZIONI

Argomenti:

Degustazione delle due ricette vincitrici del terzo Homebrewing Contest

Approfondimento delle tecniche di produzione sperimentali (birre ad alta fermentazione, birre preparate con la canapa, birre nutraceutiche e gluten free).

Accenni di botanica per la coltivazione domestica di canapa e luppolo

 

Numero partecipanti: 10

Quota: 10 Euro calice compreso

 

Per informazioni: arcilastaffetta@gmail.com

Nome e cognome

E-mail

Telefono

Numero partecipanti

Si autorizza il trattamento dei dati personali

HOMEBREWING CONTEST

Domenica 7 ottobre

h 14.00 – 17.00

 

Degustazione delle birre partecipanti

e premiazione dei vincitori

REGOLAMENTO CONTEST

IV edizione

 La competizione comprende le categorie stilistiche Europa e Resto del Mondo. Ogni partecipante può presentare una birra per categoria prodotta con metodo All Grain da consegnare presso l’area La Staffetta nelle giornate di venerdì 5 o sabato 6 ottobre.

 

Esempi categoria stili europei

Belgian Ale, British Brown Ale, English Porter, Scottish Ale, Vienna Lager

 

Esempi categoria resto del Mondo

Apa, American IPA, American Wheat, Australian Sparkling Ale, American Light Lager

 

Al momento dell’iscrizione è necessario consegnare almeno due bottiglie da 50 cl cad., indicare sulla domanda di partecipazione nome della birra, grist, Og, Fg, Ibu e tipo di fermentazione e versare una quota di partecipazione pari a 20 Euro (nel caso di iscrizione ad entrambe le categorie la quota complessiva ammonta a 30 Euro).

 

Le birre saranno giudicate con una degustazione alla cieca dalla giuria del concorso che stilerà una classifica delle birre in concorso, assegnando un riconoscimento alle prime tre della graduatoria finale e un premio ai rispettivi autori.

 

Premi 2018

 

Primo classificato

Possibilità di effettuare una cotta in un birrificio ricevendo 50 bottiglie confezionate con etichetta dedicata.

 

Secondo classificato

Partecipazione gratuita ad un corso avanzato di homebrewing dal valore di 120 Euro

 

Terzo classificato

Buono dal valore di 50 Euro valido presso la tap room La Staffetta in Lungarno Pacinotti 24, Pisa

 

Tutti i partecipanti riceveranno un attestato di partecipazione.

LE RICETTE VINCITRICI DELLE PRECEDENTI EDIZIONI DEGLI HOMEBREWING CONTEST

La Accademica

Birra rossa a basso contenuto di glutine prodotta in collaborazione con l’Università di Pisa: stile Belgian Ale, la parte maltata è morbida con note caramellate e tostate.

Ginger Ale

Birra bionda stile pale ale con aggiunta di zenzero a fine bollitura: beverina, secca con un leggero retrogusto citrale-speziato dato dal ginger.

Session Ipa

Birra bionda caratterizzata dall’uso massiccio di luppoli americani a fine bollitura (dry hopping). I sentori aromatici sono quelli classici, dal fruttato (pesca e frutto della passione) al floreale.

ESPOSITORI VI EDIZIONE

BIRRIFICI ARTIGIANALI

Birra Elvo

Graglia – Biella

 

Birrificio Alto Tevere

San Giustino – Perugia

 

Birrificio Argo

Lemignano – Parma

 

Birrificio Brùton

Lucca

Disponibilità birre senza glutine

 

Brasseria della Fonte

Pienza – Siena

 

J63 Birrificio Agricolo Toscano

Cenaia – Pisa

 

La Gilda dei Nani Birrai

Pisa

 

La Torre Del Luppolo

Sour Corner – Pisa

 

Piccolo Opificio Brassicolo del Carrobiolo

Monza

Disponibilità birre senza glutine

 

Ritual Lab

Formello – Roma

PANE E COMPANATICO

Baccano Street Food

Pulled pork, smoke ribs, smoke sausage

Pisa

 

Bontà della Garfagnana

Vagli di Sotto – Lucca

 

Cabballo’s Trattoria on the Road

Hamburger di bufalo dell’Agro Pontino,

cinghiale del Parco Nazionale del Circeo

e verdure a km 0

Anzio – Roma

 

Chiosco della Porchetta Lammarese

Capannori (LU)

 

Girovegando – Il gusto della scelta

Cucina vegana con prodotti di stagione

Cerveteri – Roma

 

HAT – Hamburgeria Agricola Toscana

Hamburger a Km 0 – VEG

Pisa

 

Non solo pane

Cucina tipica toscana – VEG

Castelfiorentino – Firenze

 

Velia – piade e affini

Piade, taglieri, agnolotti, vino delle langhe – VEG

Grugliasco – Torino

 

Gelateria La Sirenetta

Gelato artigianale, pasticceria, caffè – VEG

Marina di Pisa

 

VEG: piatti vegetariani e/o vegani

FATE AMMODINO!

I visitatori che desiderano ascoltare buona musica e cenare in compagnia senza acquistare i gettoni per le degustazioni possono partecipare liberamente.

 

L’organizzazione si riserva la facoltà di sospendere la somministrazione di bevande alcoliche ai visitatori che dovessero mostrare segni di alterazione o malessere.

 

È fatto assoluto divieto alle aziende brassicole di riscuotere denaro per le degustazioni. È invece possibile acquistare direttamente le birre in bottiglia da consumare all’esterno della sede espositiva. L’acquisto dei gettoni per le degustazioni terminerà 30 minuti prima dell’orario di chiusura giornaliero.

LE AZIENDE BRASSICOLE DELLA V EDIZIONE - MAGGIO 2018

Birranova

Triggianello – Bari

 

Birrificio Amiata

Arcidosso – Grosseto

 

Birrificio Civale

Alessandria

 

Birrificio dell’AltaVia

Sassello – Savona

 

Birrificio del Forte

Pietrasanta – Lucca

Birre senza glutine: Gassa d’amante e Meridiano0

 

Birrificio Mastino

San Martino Buon Albergo – Verona

 

Birrificio Vetra

Caronno Pertusella – Varese

 

La Gilda dei Nani Birrai

Pisa

 

P3 Brewing Company

Sassari

 

Piccolo Birrificio Clandestino

Livorno

Birra senza glutine: Awanagana

LE AZIENDE BRASSICOLE DELLA IV EDIZIONE - OTTOBRE 2017

Birrificio Alveria

Siracusa

 

Birrificio del Doge

Zero Branco – Treviso

 

Birrificio Foglie d’Erba

Forni di Sopra – Udine

 

J63 Birrificio Agricolo Toscano

Tenuta Torre a Cenaia – Crespina – Pisa

 

Birrificio La Casa di Cura

Crognaleto – Teramo

 

Fabbrica della Birra Perugia

Pontenuovo di Torgiano – Perugia

 

La Gilda dei Nani Birrai

Pisa

 

Birrificio Oldo

Cadelbosco di Sopra – Reggio Emilia

 

Podere La Berta

Brisighellla – Ravenna

 

Sour Corner

La Torre del Luppolo

Pisa

LE AZIENDE BRASSICOLE DELLA III EDIZIONE - MAGGIO 2017

BiRen – Birrificio Renazzese

Sant’Agostino – Ferrara

 

Birrificio Badalà

Montemurlo – Prato

 

Birrificio Il Mastio

Urbisaglia – Macerata

 

Brasserie Angevine

Angers – Francia

 

Canediguerra

Alessandria

 

Eastside Brewing

Latina

 

Hilltop Brewery

Bassano Romano – Viterbo

 

Jungle Juice Brewing

Roma

 

La Gilda dei Nani Birrai

Pisa

 

Piccolo Birrificio Clandestino

Livorno

LE AZIENDE BRASSICOLE DELLA II EDIZIONE - OTTOBRE 2016

Birrificio Brùton

Lucca

 

Birrificio dei Castelli

Arcevia – Ancona

 

Birrificio del Forte

Pietrasanta – Lucca

 

Birrificio Orzo Bruno

Pisa

 

La Gilda dei Nani Birrai

Pisa

 

La Petrognola

Piazza al Serchio – Lucca

 

MC77

Caccamo di Serrapetrona – Macerata

 

Microbirrificio Opperbacco

Notaresco – Teramo

 

Opificio Birrario

Crespina – Pisa

 

Piccolo Birrificio Indipendente Decimoprimo

Trinitapoli – Barletta Andria Trani

LE AZIENDE BRASSICOLE DELLA I EDIZIONE - APRILE 2016

Birra del Borgo

Borgorose – Rieti

 

Birrificio Badalà

Montemurlo – Prato

 

Birrificio Bibibir

Castellalto – Teramo

 

Birrificio del Doge

Zero Branco – Treviso

 

Birrificio Etnia

Cassano delle Murge – Bari

 

Birrificio Sorrento

Massa Lubrense – Napoli

 

J63 Birrificio Agricolo Toscano

Tenuta Torre a Cenaia – Crespina – Pisa

 

La Gilda dei Nani Birrai

Pisa

 

Piccolo Birrificio Clandestino

Livorno

PER UNO SGUARDO D'INSIEME

BIRRA ARTIGIANALE O INDUSTRIALE?

La definizione di artigianale può essere collegata alla filosofia del brassare: al termine del ciclo produttivo la birra si trova di fronte a un bivio, che stabilisce uno spartiacque concettuale e materiale. Approfondiamo questo passaggio.
Punto primo: la birra può essere resa più o meno limpida attraverso l’asportazione dei lieviti in sospensione nella massa liquida.
Punto secondo, ancora più importante: la birra può essere pastorizzata attraverso un trattamento termico a temperature elevate teso a debellare eventuali microrganismi superstiti che potrebbero compromettere la stabilità del prodotto.
Questi trattamenti, utilizzati per assicurare al prodotto finito una maggiore durata, determinano due effetti collaterali: da un lato rendono inerti i lieviti risparmiati dalla filtrazione impedendo qualsiasi possibilità di rifermentazione, dall’altro impoveriscono il corredo sensoriale, a cui sottraggono percentuali pregiate della dotazione iniziale. Ecco, se il comparto industriale sceglie la convenienza pratica attraverso la pastorizzazione e la filtrazione profonda, il movimento artigianale si muove in direzione opposta, propendendo per la maggior fragranza gustolfattiva e lasciando la birra non filtrata e, soprattutto, non pastorizzata (cruda). Coerentemente con tali premesse, i birrifici artigianali non utilizzano conservanti né additivi chimici, impiegando ingredienti selezionati e di prima scelta.

QUALI SONO LE RAGIONI CHE HANNO FAVORITO LA NASCITA DI UN NUMERO COSÌ ALTO DI BIRRIFICI ARTIGIANALI?

La tenacia e la capacità tecnica dei protagonisti del movimento microbrassicolo italiano hanno giocato un ruolo importante: se nel biennio 2005 – 2006 in Italia si censivano cinque o sei marchi, la crescita che ha portato il contatore a superare oggi quota mille è dovuta alle qualità dei birrificatori italiani. L’altra faccia della medaglia è aver trovato nel pubblico un terreno fertile per diffondere prodotti più costosi, ma incomparabilmente più gratificanti dal punto di vista sensoriale rispetto a quelli dei competitor industriali.

È POSSIBILE TRACCIARE UN CONFRONTO CON IL QUADRO EUROPEO?

Quello della birra artigianale è un fenomeno di proporzioni globali: l’impulso primigenio, il big bang, è giunto dagli Stati Uniti a partire dalla fine degli anni Settanta. In Italia quell’onda lunga ha trovato una cassa di amplificazione estremamente vigorosa, determinando lo sviluppo di un movimento nazionale di assoluto spicco, specialmente rispetto alle aree del continente non caratterizzate da una tradizione brassicola radicata e di pregio. Da un punto di vista normativo la definizione di birra artigianale in Italia è regolato dalla Legge approvata dal Parlamento Italiano il 6 luglio 2016.

LA TOSCANA COME SI COLLOCA NEL SETTORE DELLA PRODUZIONE BRASSICOLA?

Con circa cento marchi, tra birrifici dotati di un proprio impianto e beer firm (marchi sprovvisti di strutture produttive che si appoggiano a microbirrifici di cui diventano clienti), la Toscana si colloca al terzo posto di un’ideale graduatoria nazionale delle regioni con maggior numero di unità aziendali alla pari con Veneto ed Emilia-Romagna e alle spalle di Lombardia e Piemonte. Quanto al profilo qualitativo, il nostro tessuto microbirrario presenta un livello in graduale, ma costante, movimento.

COME SONO STATI SCELTI I BIRRIFICI PRESENTI A BEERIVER?

Ogni edizione presenta un nucleo valido di soli birrifici, che possa offrire uno spaccato sulla realtà toscana e aprire interessanti finestre sulle altre regioni italiane.

COME SI CONFIGURA IL RAPPORTO CON LE ALTRE FILIERE ALIMENTARI?

Il rapporto che unisce birra artigianale e tradizioni gastronomiche italiane si caratterizza per numerose potenzialità inespresse che meritano di essere sviluppate. BeeRiver intende approfondire le opportunità di abbinamento tra la pinta e le grandi specialità (formaggi, salumi, carni, pesce, panificazioni e così via) attraverso il coinvolgimento di alcune aziende agricole che propongono cibo di qualità.

Storia della birra
Storia della birra

COME ARRIVARE

DOVE SIAMO

La Stazione Leopolda si trova a Pisa in Piazza Guerrazzi, a pochi minuti dalla Stazione Ferroviaria, dall’Aeroporto Galileo Galilei e dalle uscite (Pisa Centro) della Superstrada FI-PI-LI e delle Autostrade A 12 (Genova – Livorno) e A 11 (Firenze – Mare).

IN AUTO

Per raggiungere la Leopolda in auto è possibile prendere la Superstrada FI-PI-LI, uscire a Pisa Centro e seguire le indicazioni per il centro città. Una volta superato il ponte sulla ferrovia, girare a sinistra e poi subito a destra in Via Fratti fino a Piazza Guerrazzi.

PARCHEGGIO

Per posteggiare agevolmente la macchina è possibile utilizzare i nuovi parcheggi Pisamover e raggiungere la Leopolda dopo un breve tragitto a piedi. Al parcheggio Aurelia si accede dall’uscita Pisa Ovest – Darsena Pisana della superstrada FI-PI-LI (l’ingresso è collocato in corrispondenza della rotatoria sulla Strada Aurelia verso Pisa).

Tariffe giornaliere a partire da 2,50 Euro

www.pisa-mover.com

ORGANIZZAZIONE

BeeRiver è un evento promosso dall’Associazione Casa della Città Leopolda.

Coordinamento progettuale

Martino Alderigi

Servizi organizzativi

Ingrid Janeth Pérez M.

Rudy Rocca

Adrian Seferi

Comitato Scientifico

Simone Cantoni

Matteo Ferrigno

Daniele Maccheroni

Progetto fotografico

Laura Fava

Ufficio di Presidenza

Martino Alderigi

Barbara Cappelletti

Valerio Capuzzi

Federica Martiny

Beniamino Masi

Paolo Pasqualetti

Dario Tuccinardi

ORARI DI APERTURA

Venerdì 5 ottobre h 18.00 – 1.30

Sabato 6 ottobre h 16.00 – 1.30

 Domenica 7 ottobre h 13.00 – 23.00

INGRESSO

Calice BeeRiver 5 Euro

Gettone per le degustazioni 2 Euro

Pacchetto con calice e tre gettoni 10 Euro

L’ingresso alla manifestazione è libero.

PER INFORMAZIONI

Stazione Leopolda

Piazza Guerrazzi – Pisa

Tel. 05021531

info(at)leopolda.it